Vittorio Grigolo

I greci erano convinti che la musica e il canto fossero arti magiche studiate per incantare. Come si può contrastare un pensiero cosi delicato, dove troviamo anche molta verità. Tutti abbiamo una canzone nel cuore. Le coppie hanno la loro musica preferita. L’arte e la cultura si è evoluta con gli spettacoli di teatro e di canto.

Una delle bellezze di questo “mondo artistico” è l’opera lirica. Pavarotti è stato uno dei grandi testimonial, ma ad oggi troviamo un altro protagonista, cioè Vittorio Grigolo. Il nuovo tenore sta incantando i teatri di tutto il mondo, con la sua voce briosa, molto controllata e di grande potenza acustica.

Il tenore lirico di grande talento

La musica lirica è mossa da interpreti di grande passione. Il tenore Vittorio Grigolo ha dimostrato da giovanissimo la sua passione per questo tipo di canto. Uno dei suoi ricordi da bambino era quando udì le note dell’Ave Maria durante una visita oculistica.  All’età di 6 anni già entra a far parte del coro della Cappella Sistina.

Si sa ben poco della sua vita adolescenziale. Si sposa con Roshi Kamdar, per divorziare poco dopo, nel 2013. Attualmente è fidanzato con la modella Stefania Seimur, più giovane di lui di 20 anni.

Carriera altalenante per Vittorio Grigolo

Il lavoro e la carriera sono stati i grandi amori della sua vita. Ha investito tanto nella sua voce. Studia canto nello Shola Purerorum Cantorum della Cappella Sistina. Conosce Pavarotti che lo inserisce poi nella “Tosca” al teatro di Roma.

A 23 anni è il più giovane tenore della Scala di Milano. Qui la sua carriera decolla poiché inizia a farsi notare al grande pubblico.

Curiosi delle curiosità su Vittorio Grigolo?

Uno dei problemi dei personaggi pubblici, che sono molto riservati, sono le tante fake news e gossip che girano, senza alcun fondamento, sul loro conto.

Vittorio Grigolo è stato spesso bersagliato e vittima di queste finte curiosità. La prima fu che si vociferava che lui era omosessuale. Una diceria a cui lo stesso Grigolo ha posto fine in modo elegante e raffinato. Non gli ha dato mai troppo peso e ben presto questa notizia è stata dimenticata anche perché era senza alcun fondamento.

La seconda fu il presunto “rubare di scena” ad un altro grande tenore. Durante una messa in scena di un’opera importante, il primo tenore ebbe un malore e dovette intervenire lui come “riserva”.

Qui c’è da dire che il primo tenore già da giorni aveva la febbre e quella sera aveva chiesto più volte di essere sostituito. Per il resto Vittorio Grigolo ha sempre dichiarato che la sua grande passione per il canto nasce anche per gli applausi del pubblico.