Cosa significa Petaloso e come usarlo

La fantasia dei bambini riesce a spiegare le “cose” che non si possono descrivere a parole, ma che tutti capiscono. Il fiore è petaloso! Non sapete esattamente cosa significhi, ma tuttavia lo riuscite a capire. Proprio questa è la grande forza espressiva dei bambini che, in qualsiasi modo, riescono a farsi capire.

Un aggettivo molto semplice, essenziale, ma “petaloso” indica semplicemente un fiore ricco di molti petali. Si usa in tantissime frasi, come:

  • La margherita è un fiore petaloso
  • Una rosa petalosa è sempre molto bella
  • L’amicizia è come un fiore petaloso, ogni uno di essi è un’emozione

Ciò fa capire che ancora oggi, nella lingua italiana, ci sono dei termini che si devono inventare.

Petaloso, origine

L’origine di petaloso, cioè della nascita di questo nuovo aggettivo, nasce in modo molto singolare. Una maestra assegna un compito semplice alla sua classe di terza elementare. Si devono cercare due aggettivi per ogni sostantivo suggerito dall’insegnante.

Uno dei suoi alunni, Matteo, che è poi diventato famosissimo nel web, scrive il termine petaloso. Da qui ha origine l’aggettivo petaloso. Nonostante la maestra segna l’errore in rosso, la classe vuole sapere perché proprio l’aggettivo petaloso non esiste.

La maestra, quasi per scherzo, ma anche per accontentare i suoi alunni decide di scrivere una lettera all’Accademia della Crusca.  L’insegnante ha ammesso che la lettera è stata scritta perché anch’essa, non aveva una risposta chiara. In fondo ci sono molti aggettivi che terminano con “oso” e che hanno un chiaro significato.

La risposta dell’Accademia della Crusca

Come tutte le grandi storie, anche qui si ha una risposta inaspettate perché, proprio l’Accademia della Crusca, risponde alla classe.

Il termine petaloso è perfetto. La sua grammatica sfrutta al meglio le regole italiane. Nella lettera di risposta ci sono anche altri esempi che fanno capire quale sia la regola usata.

Tra questi termini troviamo:

  • Coraggioso, che è l’unione di “coraggio” + “oso”, che indicano una persona che ha molto coraggio
  • Peloso, che è l’unione di “pelo” + “oso”, che indicano animali con molti peli

A questo punto, ecco che petaloso unisce “petalo” + “oso”, indicando un fiore ricco di petali. L’Accademia della Crusca ci ha impiegato una settimana a ricercare eventuali errori grammaticali o regole non rispettare. Semplicemente non le ha trovate. A questo punto è stata costretta ad ammettere che l’aggettivo petaloso non è da considerarsi come un errore grammaticale.

La lingua italiana, ricca di nuovi termini

Se petaloso è un aggettivo che si può usare, come mai non si trova nel vocabolario italiano? In realtà, in questo 2020, dovrebbe essere inserito. Solo che tutti i nuovi termini, anche se rispettano tutte le regole della lingua italiana, devono essere anche molto usati.

L’Accademia della Crusca ha spiegato quali sono i metodi per scegliere le parole da inserire in un vocabolario italiano. In tutti i dialetti italiani, esistono migliaia di parole, che cambiano di significato nel resto di altri Comuni.

Sarebbe impossibile riuscire ad avere un vocabolario per tutte le parole esistenti in lingua italiana. Ecco come mai si inseriscono solo delle parole che sono usate molto e molto spesso.

This entry was posted in Curiosità. Bookmark the permalink.