Strumenti musicali a fiato: quali sono in legno e quali in ottone?

Tutti gli strumenti musicali si suddividono in varie categorie, quelli di cui parleremo oggi sono i cosiddetti “aerofoni”, cioè gli strumenti a fiato. Essi hanno bisogno dell’aria per far uscire i suoni, mentre alcuni hanno bisogno di altri tipi di vibrazioni o spinte, si possono anche suddividere in ottone e in legno perché anche il materiale con cui sono fatti serve a fa uscire un bel suono. Anche se sembrano pochi ognuno vale come strumento ed è adatto ad ogni tipo di persona che vuole imparare a suonarne uno.

Quali sono in legno?

Gli strumenti a fiato che appartengono alla categoria del legno sono i seguenti:

  • Flauto traverso: si chiama così perché va suonato dal lato destro, anche se è fatto in legno è rivestito in metallo, l’imboccatura è messa in laterale per facilitare il flautista. Posseggono 14 aperture che, in base alle note si chiudono o aprono come piccoli tappi grazie alle dita.
  • Piffero: strumento a fiato che si suona tenendolo davanti a sé. Fatto interamente in legno, il corpo ha 8 fori senza tappi come il flauto traverso, solo le dita riescono a tappare bene questi buchi e far uscire un bel suono. La parte finale è larga e aperta, a volte viene coperta per far uscire un suono particolare.
  • Oboe: alla vista sembra molto complicato da suonare perché è fatto sia in legno e che in metallo. è adatto sia ai mancini che ai destrosi perché si può suonare e sostenere in modo comodo e facile per essere suonato. Di forma somiglia molto al piffero per la parte finale mentre per la parte centrale è simile al flauto traverso dato che è munita di tappi in metallo per coprire i fori delle note.
  • Fagotto: il legno usato per creare questo strumento di solito è il bambù. È lungo circa 2.50 m. e per portarlo più comodamente dietro si può dividere in 5 parti e poi montarlo. I fori sono messi di traverso e per soffiarci dentro basta soffiare dentro una specie di tubicino a uncino.
  • Clarinetto: strumento a fiato in cui alcuni fori sono provvisti di tappi rivestiti in metallo, invece gli altri sono liberi per essere tappati con le dita.
  • Ottavino: è anche chiamato piccolo flauto perché è di piccole dimensioni e si suona di traverso, ha un suono molto acuto e viene sempre accompagnato da un flauto normale.
  • Ocarina: strumento dalle origini italiane, può essere fatta sia in legno che di terracotta. Ha le dimensioni ovali e abbastanza grandi mentre alcune volte è piccola e allungata, in entrambi i casi possiede 10 chiavi o fori e l’imboccatura è rialzata.
  • Didgeridoo: strumento dalle origini autraliane/aborigene. Si presenta come un lungo corno scavato all’interno, la sua lunghezza supera il metro e mezzo fino ai 2,50 m. Di solito viene creato con il legno di eucalipto, non possiede fori ma in alcuni casi si possono utilizzare dei bastoncini per facilitare la percussione.

Quali sono in ottone?

Gli strumenti a fiato che appartengono alla categoria in ottone sono qui elencati:

  • Corno: ha subito varie evoluzioni nel tempo perché prima era un lungo tubo girato una sola volta su se stesso con la parte finale larga, e se prima era utilizzato per la caccia e creato dalle corna di una mucca o di un toro, ora invece è più grande, fatto in ottone e con 4 tasti. Esistono e vengono usati anche quelli senza tasti oppure da 1, 2 e 3.
  • Tromba: strumento abbastanza lungo che può essere sia a 4 pistoni che a 3, . Per suonarla non bisogna soffiarci dentro ma pernacchiare.
  • Trombone: molto simile alla tromba, in aggiunta una leva che va spinta e tirata durante l’emissione del suono e serve ad ad amplificare la nota e possiede un solo pistone.
  • Tuba: strumento dalle dimensioni grosse, ne esistono di due tipi: bassa e contrabbassa, entrambe posseggono 4 pistoni che vengono coperti con piccoli tappi in ottone.
  • Sassofono: ha una forma particolare perché viene è una perfetta unione tra gli strumenti di legno come i flauti e quelli in ottone come la tuba. Può essere di varie dimensioni e far uscire vari toni: basso, contrabbasso, subcontrabbasso, baritono, tenore, contralto, mezzo-soprano, soprano, baritono, sopranino e sopranissimo. Posseggono 23 chiavi e si coprono con i tappi degli altri strumenti a fiato.
This entry was posted in Curiosità. Bookmark the permalink.