I pensionati possono ottenere un mutuo casa?

Oltre ai giovani, anche i pensionati oggi possono accedere ad un mutuo casa, indubbiamente una forma di finanziamento importante che consente di allungare i tempi di pagamento e affrontare l’acquisto o la ristrutturazione di un immobile. La differenza rispetto a quelli concessi ai giovani è, nella maggior parte dei casi, il limite di età del richiedente. Vediamo di seguito come i pensionati possono ottenere un mutuo casa.

Come funzionano i mutui per pensionati

Il fattore determinante nella concessione di un mutuo casa per i pensionati è l’età. Infatti, di solito le banche non concedono i finanziamenti per mutuo casa a soggetti che abbiano più di 80 anni alla fine del finanziamento. Il che vuol dire che il soggetto richiedente non deve avere un’età superiore a 65 anni. Tuttavia, molte banche riservano particolari condizioni anche a chi ha più di questa età e molti pensionati possono ottenere mutui casa con tassi di interesse agevolati e senza spese di gestione pratica. Inoltre, come garanzia è richiesta anche una polizza assicurativa sulla vita che tutela la banca erogatrice della somma in caso di morte del richiedente prima del termine del rimborso del mutuo.

Mutui pensionati acquisto e ristrutturazione casa

Le banca in genere erogano mutui casa ai pensionati fino all’80% del valore dell’immobile. L’importo della rata si ottiene dal tasso di interesse (Tan) più le spese accessorie, che riguardano spese di gestione pratica, spese di istruttoria, spese assicurative, ecc. che costituiscono il Taeg, ovvero il tasso effettivo. Per quanto riguarda la ristrutturazione le regole sono pressoché identiche, e l’unica differenza è data dal fatto che occorre redigere un preventivo della ristrutturazione e l’eventuale progetto da presentare alla banca. I mutui per ristrutturazione sono una tra le richieste più frequenti tra i pensionati che possono rimodernare il proprio immobile senza incidere troppo sul bilancio familiare e con una cifra dilazionata nel tempo esaudiscono magari qualche desiderio che da giovani non hanno potuto realizzare.

This entry was posted in Economia. Bookmark the permalink.