Le fatiche di Ercole: quante sono e quali sono? Storia e curiosità

Le fatiche di Ercole

La controversa storia di Ercole, in Dio a metà, che per arrivare all’Olimpo è costretto a superare 12 fatiche, è ancora molto attuale.

Una leggenda? Una verità? Una serie di fantasiosi eventi che hanno un eroe comune? Un rito esoterico? Questa storia è sopravvissuta fino ad oggi, ma è stata anche uno dei primi racconti che accomunavano diverse popolazioni a distanza di chilometri.

Ercole era nato dall’unione del Dio Zeus con una mortale. Proprio per questo era odiato dalla moglie di Zeus, la Dea Giunone. Ciò nonostante era per metà un dio e per metà umano, quindi aveva una forza straordinaria, ma non aveva l’immortalità.

Per riuscire ad entrare nell’Olimpo, insieme ai suoi fratelli e sorelle, Giunone decise di metterlo alla prova con 12 prove. Solo in questo modo gli avrebbe donato l’immortalità. Ovviamente, le 12 fatiche di Ercole, erano tutte “senza ritorno”, per un mortale, quindi solo un Dio le avrebbe potute superare.

Le 12 fatiche di Ercole, quali erano?

Quali erano le 12 fatiche di Ercole? Le elenchiamo in modo da poter poi spiegare quali sono le più complesse da capire. Sono:

  • Uccidere il leone di Nemea
  • Vincere e uccidere l’Idra di Lerna, che era immortale
  • Catturare la cerva di Cerinea
  • Cacciare e catturare il cinghiale di Erimanto
  • Pulire le stalle di Augia
  • Dispendere gli uccelli nel lago Stinfalo
  • Catturare il toro di Creta
  • Rapire le cavalle di Diomede
  • Rubare la cintura di Ippolita, regina delle amazoni
  • Sottrarre i buoi a Gerione
  • Rubare le mele d’oro nel giardino delle Esperidi
  • Presentare vivo il cerbero a Micene

Sembrano facili come fatiche? Insomma. Se pensiamo che il leone di Nemea era gigantesco e particolarmente feroce. L’Idra di Lerna era un enorme serpente che viveva nelle paludi. La Cerva aveva poteri di ipnotizzare e uccidere chi la guadasse. Tanto semplici non sono.

Le 12 fatiche di Ercole significato esoterico

I significati di queste fatiche sono legati molto al mondo esoterico.

Troviamo che esse sono spesso citate nell’astrologia. Ogni fatica indica un segno zodiacale e alcuni tratti caratteriali del segno stesso.

Altri dichiarano che le 12 fatiche di Ercole non sono altro che un rito di iniziazione, sotto codice segreto.

Alcuni studiosi dichiarano che era anche il rito di iniziazione per i discepoli e seguaci del Dio Ade. Quindi rappresentava la discesa negli inferi.

La prima fatica di Ercole

L’uccisione del leone di Nemea, è anche rapportato al segno zodiacale di Ercole, cioè il Leone, secondo quanto si è scoperto.

In realtà è una delle fatiche più importanti perché, una volta ucciso il Leone, Ercole lo scuoia della pelle. Quella stessa pelle indossa come un mantello e che lo rende invulnerabile. Magari senza non avrebbe potuto compiere le altre fatiche.

This entry was posted in Curiosità. Bookmark the permalink.