Easybytez: cos’era? Perché è stato chiuso? Vi sono alternative legali?

Per chi è abituato a usare, ogni giorno, programmi sul computer, ne conoscerà molti a memoria su quali siano quelli a pagamento e quali sono quelli gratuiti. Alcune volte capita anche che li usano e li si deve scaricare perché possono rivelarsi utili prima o poi, basta però che non occupa troppa memoria sul pc personale di una persona, non si riveli essere a pagamento dopo pochi mesi di utilizzo e che non cambi, senza il consenso della persona, il motore di ricerca e altre cose sul computer. A volte trovarli è difficile, altre volte invece c’è il rischio che si arrivi tardi perché il sito è stato chiuso e bloccato, quindi impossibile da scaricare, uno di questi è Easybytez.

Cos’è?

Easybytez era un programma di memoria interna su internet che permetteva di caricare qualsiasi tipo di file e tenerlo al sicuro dentro questa piattaforma. Permetteva non solo la protezione di qualsiasi tipo di file, ma anche di tenere più libero il computer grazie a questo programma scaricato, per averlo non bisognava pagare nulla e lo si poteva iniziare ad usare fin da subito. Era facile da usare, garantiva una protezione dei file nel tempo e una maggiore sicurezza che non andassero persi ma solo conservati fino a che non sarebbero serviti.

Perché è stato chiuso?

Questa è una domanda a cui è molto difficile rispondere perché i veri motivi non si sanno per certezza, sta di fatto che per un periodo di tempo è stato impossibile caricare e proteggere tutti i file che si volevano proteggere e salvare.

Gli utenti lo trovavano bloccato oppure hanno trovato un avviso in cui diceva di passare alla modalità “Premium” e quando c’è questo tipo di nota in realtà è per mettere i dati della carta prepagata e pagare per poterlo usare di nuovo.

La vera ragione però non si sa perché è stato chiuso, ma come molti altri programmi dopo un periodo di tempo si possono notare molti cambiamenti che prima non c’erano, a volte anche il fatto di cambiare spesso la password può essere un incipit che qualcosa sta andando storto o c’è in corso un cambiamento.

Se non ci si sente sicuri di questi programmi è sempre meglio tenersi una copia in una cartella sul pc o su una chiavetta usb che si può togliere e mettere a piacimento per portarsi sempre con se tutti i documenti che servono.

Vi sono alternative legali?

Le alternative ci sono sempre per cercare altri programmi simili a quelli che si è usato prima, quelli più usati sono i seguenti:

  • Drive (programma preinstallato su ogni pc e si più scaricare per avere un veloce collegamento tra computer e progetti);
  • prem.link/
  • deepbrid.com/downloader;
  • dropbox;
  • Scatola;
  • volafile;
  • sync.com;
  • sugarsync;
  • 4shared;
  • trasferiamo;
  • mediafire;
  • Microsoft onedrive;
  • owncloud;
  • mega;
  • Rclone;
  • Yandex.Disk;
  • koorf;
  • ge.tt;
  • opendrive;
  • Flowcloud;
  • Adrive;
  • FileFactory;
  • caricati;
  • file di deposito;
  • load.to;
This entry was posted in Curiosità. Bookmark the permalink.