Easybytez: cos’è? Perché era stato chiuso? Vi sono alternative legali?

Per chi è abituato a usare, ogni giorno, programmi sul computer, ne conoscerà molti a memoria su quali siano quelli a pagamento e quali sono quelli gratuiti. Alcune volte capita anche che li usano e li si deve scaricare perché possono rivelarsi utili prima o poi, basta però che non occupa troppa memoria sul pc personale di una persona, non si riveli essere a pagamento dopo pochi mesi di utilizzo e che non cambi, senza il consenso della persona, il motore di ricerca e altre cose sul computer. A volte trovarli è difficile, altre volte invece c’è il rischio che si arrivi tardi perché il sito è stato chiuso e bloccato, quindi impossibile da scaricare, uno di questi è Easybytez. Infatti, il sito web era momentaneamente offline, ma ora sembra tornato operativo.

Cos’è e come funziona?

Easybytez è un programma di memoria interna su internet che permetteva di caricare qualsiasi tipo di file e tenerlo al sicuro dentro questa piattaforma. Permetteva non solo la protezione di qualsiasi tipo di file, ma anche di tenere più libero il computer grazie a questo programma scaricato, per averlo non bisognava pagare nulla e lo si poteva iniziare ad usare fin da subito. Era facile da usare, garantiva una protezione dei file nel tempo e una maggiore sicurezza che non andassero persi ma solo conservati fino a che non sarebbero serviti.

Come scaricare da Easybytez?

Vediamo qual è il principale funzionamento di questo sito web, ossia come effettuare il download di file da questo strumento. E’ abbastanza semplice, dunque alla portata di tutti, anche per chi è meno esperto.

  1. Per prima cosa devi conoscere il link del file che vuoi scaricare su Easybytez
  2. Se hai il link devi aprirlo mediante un browser internet. Comparirà una schermata come questa:
  3. Clicca sul pulsante “Free Download”
  4. Attendi circa 180 secondi fino a che non compare questo pulsante:
  5. Clicca sul pulsante per scaricare gratis il file.

Easybitez premium: come si usa, registrazione e quanto costa?

Le funzioni di easybitez sono limitate per la versione gratuita, infatti per poter usare tutte le funzionalità è necessario attivare la versione premium, attraverso la quale è possibile ottenere i seguenti vantaggi:

  • maggiore velocità di download
  • scaricare più file in contemporanea
  • eliminazione dei limiti di grandezza dei file
  • abbattimento dei 180 secondi di attesa per l’inizio dei download
  • possibilità di ottenere guadagni mediante il download dei file

Per attivare la versione premium è necessario compilare il modulo d’iscrizione, come puoi vedere da questo screenshot:

Per accedere al servizio premium è necessario sostenere dei costi, nello specifico, al momento in cui scriviamo questa guida, vi sono diverse possibilità di abbonamento, tra cui le più appetibili sembrano essere quella di circa 10 euro per un mese oppure 65 euro per un abbonamento annuale.

Perché era stato chiuso?

Questa è una domanda a cui è molto difficile rispondere perché i veri motivi non si sanno per certezza, sta di fatto che per un periodo di tempo è stato impossibile caricare e proteggere tutti i file che si volevano salvare e/o scaricare.

Gli utenti lo trovavano bloccato oppure hanno trovato un avviso in cui diceva di passare alla modalità “Premium” e quando c’è questo tipo di nota in realtà è per mettere i dati della carta prepagata e pagare per poterlo usare di nuovo.

La vera ragione però non si sa perché è stato chiuso, ma come molti altri programmi dopo un periodo di tempo si possono notare molti cambiamenti che prima non c’erano, a volte anche il fatto di cambiare spesso la password può essere un incipit che qualcosa sta andando storto o c’è in corso un cambiamento.

Se non ci si sente sicuri di questi programmi è sempre meglio tenersi una copia in una cartella sul pc o su una chiavetta usb che si può togliere e mettere a piacimento, per portarsi sempre con se tutti i documenti che servono.

Vi sono alternative legali?

Le alternative ci sono sempre sul web, tra i programmi simili a quello che abbiamo appena visto, i più usati sembrano essere i seguenti:

  • Google Drive (programma preinstallato su ogni pc e si più scaricare per avere un veloce collegamento tra computer e progetti);
  • prem.link/
  • deepbrid.com/downloader;
  • dropbox;
  • Scatola;
  • volafile;
  • sync.com;
  • sugarsync;
  • 4shared;
  • trasferiamo;
  • mediafire;
  • Microsoft onedrive;
  • owncloud;
  • mega;
  • Rclone;
  • Yandex.Disk;
  • koorf;
  • ge.tt;
  • opendrive;
  • Flowcloud;
  • Adrive;
  • FileFactory;
  • caricati;
  • file di deposito;
  • load.to;
This entry was posted in Curiosità. Bookmark the permalink.