Il nuovo ferro da stiro Rowenta DX1400 Effective

rowenta ferroAbbiamo sentito parlare molto bene del ferro da stiro Rowenta DX1400 Effective e quindi abbiamo deciso di scrivere una recensione specifica per metterne in luce sia i pregi che i difetti.

Partiamo dal manico, che presenta un rivestimento in gomma antiscivolo e che offre una presa comoda e solida. Sul manico sono disponibili i due pulsanti per l’erogazione dell’acqua e per l’erogazione del vapore, il cui getto può essere regolato da un minimo di 25 grammi al minuto ad un massimo di 100 grammi al minuto.

Continuiamo con la piastra, in acciaio inox, e in grado di sviluppare una potenza massima di 2000 W. La piastra viene protetta da un ottimo sistema anticalcare, in grado di rimuovere eventuali residui di calcare che si accumulano durante il processo di stiratura, ed è mantenuta pulita dalla funzione Self Clean, la quale si occupa di pulire in automatico il ferro da stiro Rowenta DX1400 Effective.

La piastra è di ottima fattura e durante la stiratura di prova abbiamo notato che scivola bene su ogni tipo di tessuto. E’ risultata utilissima, inoltre, la manovella per regolare la temperatura: i livelli disponibili sono quattro e sono da scegliere in base al tipo di indumento da stirare.

Gli indumenti sono protetti dal sistema antigocciolamento, che evita la caduta di eventuali gocce di liquido dalla piastra. Il sistema antigocciolamento è uno dei punti a favore del ferro da stiro Rowenta DX1400 Effective, soprattutto perché gran parte dei modelli competitori non dispongono di questa funzione.

La vaschetta dell’acqua ha una capacità di 250 ml: siamo nella media, ma ferri da stiro competitori appartenenti alla stessa categoria del Rowenta DX1400 Effective offrono una vaschetta con capacità maggiore. In ogni caso, dalla prova pratica di questo modello è risultato che la capacità della vaschetta, a meno che non si debbano stirare numerosi indumenti e a meno che non si utilizzi troppo spesso il vapore, sia sufficiente ad arrivare alla fine della stiratura.

This entry was posted in Donna. Bookmark the permalink.